Ravì si rassegna, io no

Messo alle strette, Ravì si rassegna: apre il libro. Gli faccio leggere cinque o sei righe da solo, mentre cerco di orientare Aldina persa, come sempre, nel labirinto dei significati. Poi torno a lui con le domande giuste. Sostenuto nei suoi passi, trova la via e distilla gli arcani sensi dei misteriosi segni tracciati sulla carta.
Purtroppo sillaba ancora come se fosse all’inizio della seconda e mi chiede il significato di difficilissime parole: candida, stordita, destata.
Non mi sgraverò la coscienza dicendo: «L’ho ereditato». Sta imparando a scrivere meglio. Imparerà anche a leggere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...