A ritroso

Agata ha lavorato bene. Soltanto lei.
Metodica e caparbia, propone la mappa ordinata del suo sapere di bimba studiosa.
Strapazzo un po’ gli altri. Aldina si avvilisce, Mahinderkaur nasconde il viso, Moshe ridacchia, Florize lamenta il mal di pancia.
Mi tocca lodare i frammenti sparsi che riescono ad offrirmi.

Li metto davanti al computer. Le parole del libro si fanno immagini e concretezza.
Poi li invito ad immaginare di essere uomini e donne del primo neolitico. Propongo qualche domanda guida. Il resto viene.
Non sono poi male i mei piccoli sapiens sapiens.
Peccato dover interrompere: la mensa non aspetta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...