Volevo essere Dio

Volevo essere Dio. Sì, quand’ero bambino, le suore nere parlavano di Dio e spiegavano strane parole: onnisciente, onnipotente, onnipresente. Mi invadeva una rancorosa invidia: perché lui sì e io no?
Provavo in me la tentazione del serpente: “diventerete come Dio”.
Non avevo certo incontrato Cartesio, eppure sentivo quanto meglio fosse essere Dio piuttosto che uomo.
Senza averlo mai letto, pensavo con Nietzsche: “Ma, affinché vi apra tutto il mio cuore, amici, se vi fossero degli Dèi, come potrei sopportare di non essere Dio?”.

Le suore parlavano anche dell’inferno. Mi prendeva la vertigine dell’angelo ribelle. Se Dio leggeva i miei pensieri, mi avrebbe dannato per punire la mia superbia, la mia invidia ed il desiderio di insidiargli il primato?
Non restava che sottomettersi: ero un bravo bambino. Ma… insomma, perché lui meritava d’esser Dio e io no?

Poi, col tempo, sono rientrato nei limiti. Obiettivi più realizzabili: maestro, professore. Per un po’, proprio per poco, ho pensato persino di diventare prete.

E oggi?
Oggi non vorrei essere Dio: sarei in serio imbarazzo.
Come Epicuro, desidero viver quieto e nascosto, ma questo è proprio difficile come essere Dio.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Volevo essere Dio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...