Relativisti?

«Sono intelligenti. Ah, quanto sono intelligenti!» proclama la professoressa Pvati. Non lo dice di tutte le classi. Qui riconosce i frutti migliori del suo lavoro, qui scopre i germi di nuove strepitose conquiste. Una terza superlativa.
Eppure qualche dubbio mi viene quando mi toccano alla quinta ora arruffati e confusi.
Amato scaracolla sulla sedia: prima o poi riuscirà a domarla.
Crimi commenta disinvolto ogni mia parola: simpatico effetto eco, perbacco. Ma se potessi spegnerlo…
Saracca si infila le penne nel naso e nelle orecchie. Gli cadono, le raccoglie, le infila, gli cadono, le raccoglie… ossessivo compulsivo.
Però in questa baraonda fanno anche osservazioni intelligenti.
«Ognuno ha una sua morale, diversa da quella degli altri» annuncia Bonetti fiero.
Ridacchiano gli altri, come se avesse scoperto l’acqua calda. Tutti individualisti e relativisti, in fondo.
L’ora è quasi finita. Faccio una domanda io: «A che cosa serve la morale, che funzione ha?»
«Serve a regolare i rapporti tra gli uomini» risponde Crimi.
«Siete d’accordo?» chiedo agli altri.
Non trovano di meglio.
«E come può essere un affare soltanto individuale ciò che serve a regolare i rapporti con gli altri?»
Suona la campanella. Ne parleremo la settimana prossima.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Relativisti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...