Autocrati libertari

Razza strana quella dei dirigenti scolastici. Non dico del mio. Qualche volta si irrita per le mie uscite, ma lo sa bene: niente dissenso, niente democrazia. E alla democrazia ci tiene.
Però ne ho incontrati tanti, progressisti, democratici, di sinistra addirittura. Autoritari nell’animo.
Gli autocrati libertari criticano, ma non accettano critiche.

C’è chi si aggrappa alla normativa, la coperta di Linus del dirigente. Il dottor Morelli era di questi: arrivava a chiedere i manifesti funebri in alternativa al certificato di morte.

C’è chi erutta lava e lapilli sugli incauti contestatori. La professoressa Mazzocchi insultava apertamente, in collegio dei docenti, i professori poco docili.

Han sbagliato mestiere. Il buon capo non schiaccia i suoi collaboratori: li sprona e li valorizza. Il buon capo non si ferma alla lettera della legge: ne fa fiorire lo spirito.

Gli autocrati (libertari o no) si circondano di persone servili. E i servi non sempre sono leali.

Annunci

7 Pensieri su &Idquo;Autocrati libertari

  1. Nella scuola dell’anno scorso avevo una Dirigente splendida, che davvero sapeva valorizzare gli insegnanti e gratificarli per il lavoro svolto. quello di quest’anno non è male, ma, lei, mi manca moltissimo…

  2. “Autoritari nell’animo. Gli autocrati libertari criticano, ma non accettano critiche. […] Gli autocrati (libertari o no) si circondano di persone servili. E i servi non sempre sono leali.”
    Ehm… conosci la mia dirigente, per caso? 😦

  3. Ho fatto la precaria per una vita e ho incrociato sulla mia strada parecchi dirigenti. Alcuni mediocri, altri passabili, un paio eccezionali. Ci sono alcuni tuoi post che andrebbero copiati-incollati-appesi in bacheca sala insegnanti.

  4. Parole sante! I capi, in qualsiasi campo, dovrebbero essere vicini ai loro dipendenti, se serve anche degli amici, dei confidenti, dei bravi leaders. Come un Sergente di una Compagnia militare, che guida e consiglia i propri commilitoni. Invece spesso non è così e si trasformano in assurdi stereotipi di uomini resi ciechi dal potere.

  5. Grazie a tutti.
    Non ho fatto il servizio militare perché avevo una famiglia da mantenere, ma ho sentito descrivere sergenti d’altro tipo. Mi fa piacere sapere che oggi guidano e consigliano i loro commilitoni.

  6. IMVHO è soprattutto una questione di anatomia: un buon capo dovrebbe avere prima di tutto un po’ di cuore, di cervello e di spina dorsale. In assenza di questi tre organi essenziali, spesso cerca di rimediare dandosi un gran tono e rompendo le scatole all’universo mondo. Siccome però, per quanto poco sia il cervello, si rende pur conto che il rimedio adottato non è granché, passa il proprio tempo a prevenire e stroncare improbabili complotti mentre qualcuno gli sfila di soppiatto ogni tipo di indumenti da sotto la scrivania.
    (Ogni riferimento a DS realmente esistenti nella mia scuola è del tutto casuale, come potete immaginare)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...